fbpx Skip to content

A che età i bambini possono cominciare ad andare in piscina?

bambini in piscina

L’acqua è l’ambiente naturale dei neonati, che hanno “nuotato” per nove mesi nel ventre della mamma. E questo legame con l’acqua, se si mantiene nel tempo, ha sicuramente effetti positivi sui bambini. Ma quando cominciare a portare i bambini in piscina?

Già a tre mesi, se la piscina è attrezzata per mantenere l’acqua a 33 °C; ma a sei mesi “bastano” 30 °C. Il corso deve però svolgersi in vasche piccole e in acqua bassa. I corsi di nuoto per bambini fino a tre anni richiedono la presenza di un genitore in acqua. Il loro obiettivo è sviluppare l’acquaticità attraverso il gioco, ma il nuoto accresce la fiducia in se stessi e rinforza anche il sistema cardiocircolatorio e l’apparato respiratorio e scheletrico. Tra l’altro, fino a sei mesi il bambino chiude automaticamente la glottide, bloccando il respiro e isolando l’apparato digerente dalle vie aeree.

L’agonismo… dopo. Dopo i tre anni i corsi possono proseguire senza mamma e papà, solo con l’istruttore (l’ideale è che sia in acqua con i bambini, non sul bordo vasca); a sei anni il bambino è ormai pronto ad avvicinarsi alle tecniche di nuoto, ma sempre attraverso il gioco. Per l’agonismo si devono aspettare gli otto anni.

AREA PERSONALE

Da oggi bastano pochi secondi per poterti prenotare alle lezioni che preferisci.

Inoltre potrai accedere alla tua Area Personale dove troverai informazioni relative al credito residuo per servizi e alla scadenza del tuo abbonamento in palestra.

Una volta installata l’applicazione, inserisci la chiave d’accesso:

582B5D21

Oppure accedi attraverso il browser

×