Personal Trainer

È il tuo allenatore personale, ma prima di tutto è uno specialista dell’attività fisica destinata al corpo di ogni singola persona e il motivatore di ogni obiettivo personale.
Se vuoi ottenere risultare migliori e liberarti dagli orari prestabiliti, se desideri una consulenza e un programma personalizzati, allenati con il tuo Personal Trainer.

Si può fare sport nonostante l’allergia al polline?

Se l’allergia al polline compromette il tuo sport…

…non devi abbatterti!

Con l’arrivo della bella stagione è inevitabile essere soggetti a determinati fastidi.
Il clima, le temperature, sono in continua variazione e, proprio per questo, chi più, chi meno, è soggetto a certe reazioni allergiche.

Corsa in campo di fiori - OnSportCenter
Corsa in campo di fiori – OnSportCenter

Fare sport all’aperto è ancora possibile?

A volte sembra di no, ma ti garantiamo che è possibile allenarsi all’aria aperta se si adottano le giuste precauzioni.

  • Non raggiungere il limite.

Allenati con cautela, senza esagerare, cosicché il tuo sistema immunitario non ne risenta eccessivamente.

  • Allevia i sintomi con degli antistaminici! 

Prima di iniziare l’allenamento puoi limitare così le possibili conseguenze, in base alle tue necessità.

  • Indossa degli occhiali da sole.

Gli occhiali da sole possono fungere da scudo, e proteggerti da pollini e altre sostanze presenti nell’aria.

  • Prediligi le giornate senza vento.

Presta attenzione alle previsioni meteo, prediligi giornate soleggiate e con vento minimo o nullo. Sarà fondamentale per arginare gli eventuali danni!

  • Allontanati da zone urbane.

Nelle zone di centro città vi è una più alta concentrazione di pollini, ozono, e sostanze tossiche.

  • Prediligi solo alcuni orari.

Gli orari migliori per allenarsi sono dalle 06:00 alle 08:00 e solo dopo le 19:00.

Corsa su strada - OnSportCenter
Corsa su strada – OnSportCenter

Allenarsi all’aperto nonostante le difficoltà è possibile, ma non dimenticare di prestare attenzione al tuo corpo, e agli indicatori che dovrebbero fermarti, nel caso di evidenti complicazioni.
Non serve eccedere, se si finisce per stare male!

E tu come affronti gli allenamenti in questo periodo?

Scrivilo nei commenti, condividi la tua esperienza!

 

Home Workout: come ritagliare lo spazio ideale per allenarsi a casa.

Pushup esecuzione

Allenamento a casa: come fare?

In questi ultimi giorni, con i tempi difficili che corrono, continuare a fare movimento in casa può essere davvero fondamentale per il mantenimento della nostra routine. Lavorare al proprio benessere anche quando le condizioni non sono delle migliori è salutare e aiuta a sentirci meglio, nonostante le rinunce del periodo.

Affondi
Affondi – OnSportCenter

Ma chi ha detto che devi rinunciare all’allenamento?

Fortunatamente ci si può allenare anche in casa, bastano pochi attrezzi e qualche accortezza.

“Dove mi alleno?”

Una delle domande più gettonate? Sicuramente, questa!
Per eseguire un buon allenamento in casa non basta la propria volontà, perché sappiamo bene quanto sia importante mantenere la costanza e la perseveranza per continuare ad ottenere risultati.
Se ti è possibile, prediligi l’allenamento in una stanza semi-vuota, così da dover spostare meno mobili possibili ogni volta che vorrai allenarti.

Ergo, non penserai di allenarti in cucina, vero?

Tra le condizioni più favorevoli, sicuramente c’è il cortile di casa propria. Per quanto piccolo talvolta potrebbe essere una valida soluzione per sentirsi all’aria aperta e respirare un’atmosfera diversa! Se invece non hai questa fortuna, non dermodere! Puoi trasformare la tua stanza in una piccola palestra.

Ragazza che esegue push-up sul tappetino.
Push-up – OnSportCenter

Cosa ti serve?

Gli strumenti di base sono davvero pochi:

  • Un tappetino fitness.
  • Fitness Ball. Particolarmente adatta per le fan del Pilates, o per eseguire alcuni esercizi tipici dell’allenamento funzionale, come il crunch inverso.
  • Corda.Uno degli strumenti più utili per praticare un po’ di cardio in casa! Perfetta per la fase di riscaldamento.
  • Kettlebell. Allenare gambe e glutei come in palestra si può! Puoi sceglierla del peso a te più congeniale e utilizzarla durante l’esecuzione di squat, hiptrust, affondi. Ma questo, forse, lo saprai già!
  • Elastici. Metti alla prova la tua resistenza! Gli elastici sono molto utili sia per la tonificazione di braccia e gambe, sia per le fasi final del nostro allenamento. Per intenderci, durante lo stretching.

Assicurati di avere sempre con te:

  • Una bottiglietta d’acqua. Ricorda di idratare e re-integrare i sali minerali persi durante gli sforzi.
  • Asciugamano. Non è bello gocciolare in giro per casa…
Ragazza che esegue affondi - OnSportCenter
Affondi – OnSportCenter

Non hai idea di che esercizi eseguire?

A tutto c’è una soluzione, niente paura!  Segui i video tutorial della nostra insuperabile Sveva, vai su Facebook e cerca “Training At Home”!

Zero scuse. 🙂

 

 

 

 

2

Donne e sport: la partecipazione femminile alle Olimpiadi

Atleta italiana - OnSport

A quanto risale la partecipazione delle donne alle Olimpiadi?

La figura della donna ha riscattato la propria dignità nel tempo.
Grazie a lotte più o meno silenziose, e una grande tenacia nel voler dimostrare il proprio valore e le proprie potenzialità, è riuscita ad affermare se stessa anche nel mondo dello sport. Ma non è sempre stato così.

Da quando è iniziata la partecipazione femminile nel mondo dello sport?

Nell’Antica Grecia non era possibile neanche assistere alle gare sportive; le Olimpiadi erano tutte al maschile sotto ogni punto di vista. Nonostante i pregiudizi le donne riuscirono a partecipare alle Olimpiadi francesi di Parigi, nel 1900, anche se non in modo riconosciuto dalle istituzioni. Solo nel 1920, dopo la prima guerra mondiale, la presenza femminile fu ufficialmente riconosciuta.

Come si è evoluta nel tempo?

Nel 2012, per le Olimpiadi di Londra, le donne partecipanti costituivano ben il 45% degli atleti in gara!
Nonostante il grande miglioramento degli ultimi decenni restano parecchie le accuse discriminatorie nei confronti delle atlete partecipanti. O, più in generale, un velato sessismo nei confronti di quelle donne che, sicure di sè, vogliono cimentarsi in competizioni, gare, che attestino la loro forza e disciplina.

Federica Pellegrini - OnSport

Può una donna sognare una carriera nello sport?

Certo che sì. Con costanza, tenacia, e voglia di non sentirsi dire di no.

Tra le più grandi atlete italiane ricordiamo:

  • Federica Pellegrini
  • Tania Cagnotto
  • Valentina Vezzali
  • Elisa Di Francisca
  • Beatrice Vio
  • Sofia Goggia
  • Raphaela Lukudo
  • Carolina Kostner
  • … e molte altre!

La lotta alla parità di genere non è solo una necessità consolidata e riconosciuta nella società moderna, ma un vero e proprio prodotto etico che non possiamo trascurare.

Parità di genere - OnSport
Ti suggeriamo anche altri articoli, affinché tu possa informarti sulle battaglie che grandi atlete, ogni giorno, si ritrovano a combattere:

  1. Le atlete diventano professioniste 
  2. Le 10 campionasse che stanno cambiando il mondo dello sport.
  3. Campionesse o dilettanti? 

Adesso passiamo la palla a te: hai mai fatto sport a livello agonistico? Hai mai vissuto o subito discriminazioni di genere a riguardo?

Raccontalo a OnSport!

I rischi di allenarsi al freddo

Freddo - OnSportCenter

I rischi di allenarsi al freddo, e come evitarli.

Allenarsi in inverno può essere difficile e complicato, soprattutto quando il workout si esegue fuori, al freddo, all’aria aperta. Può essere necessario, infatti, attuare qualche manovra di prevenzione del freddo per evitare di soffrirlo eccessivamente.

Allenamento outdoor - OnSportCenter

Non temere l’ipotermia

No, non ci sono questi rischi se riesci a prepararti a dovere ad affrontare escursioni termiche non indifferenti!
Anzi, preparati a gioire: l’allenamento outdoor ti permette di bruciare persino più calorie del solito. Ciò avviene perché, con le basse temperature, il nostro corpo viene stimolato affinché possa riscaldarsi nuovamente; ciò determina un aumento della circolazione e della respirazione.

Running Outdoor - OnSportCenter

Indossa abiti caldi! 

Inevitabile: bisogna coprirsi al meglio con indumenti scelti ad hoc.
Seleziona dei capi termici coprendo ogni centimetro del corpo. Attenzione alle estremità come le dita delle mani, o le porzioni di caviglia che di tanto in tanto si intravedono.
Ti consigliamo di indossare dei guanti caldi per assicurarti la giusta protezione.

Un po’ di stretching prima iniziare, ma…

Lo stretching a inizio e fine allenamento è una buona abitudine da avere e mantenere, anche in inverno!
Prima di eseguirlo, però, assicurati di riscaldarti correttamente, magari eseguendo un po’ di jogging, o un po’ di corsa sul posto.
Possono andar bene anche dei jumping-jack, o i salti con la corda.

Stretching - OnSport

Prediligi orari diurni.

Le temperature, com’è noto, si abbassano drasticamente la sera, dando origine a pesanti escursioni termiche.
Preferisci un allenamento durante le ore del giorno, cosicché possa godere di un clima più mite.

Equilibra la tua alimentazione.

Gli alimenti che ingeriamo possono dare un grande contributo al nostro benessere. Oltre al nutrimento e all’apporto energetico, frutta e verdura sono essenziali per il mantenimento del nostro apparato immunitario, e la costruzione di nuovi tessuti.
Non dimenticare di mangiarne in quantità proporzionate al tuo stile di vita e alle tue necessità.

E tu, come preferisci allenarti in inverno?
Ti lasci bloccare dal gelo, o sei un veterano?
Condividi la tua esperienza nei commenti!