Come scegliere un corso di yoga

Scopriamo le tipologie di questa disciplina

In occasione della giornata mondiale dello yoga vogliamo approfondire al meglio le conoscenze in materia.

Cosa significa davvero praticare yoga? Per quale ragione spesso viene associato alla meditazione? E, domanda più importante, è davvero adatto a tutti?

Yoga come trasformazione

Iniziare un corso di yoga, approcciarsi a questa nuova disciplina, non è mai un caso.
Spesso è indice della necessità di un nuovo inizio, correlata ad un bisogno di rinnovamento spirituale ed emotivo, finalizzato a un cambiamento radicale ma intimo.
Ogni trasformazione emotiva, proprio per la sua profondità, prevede un percorso graduale, sentito, che sia ispirato dal suo strato più vicino all’anima.
Proprio per questa ragione è necessario scegliere una tipologia di yoga che sia quanto più affine alla propria persona.

Yoga

 

Sì, ci sono davvero più tipologie di yoga.

 

  • Hatha Yoga

La calma e la tranquillità sono gli elementi portati di questa disciplina.
Esercizi focalizzati sulla meditazione, il relax psico-fisico, e la respirazione.
Ideale per te che vuoi ritrovare l’equilibrio interiore e una sensazione di pace assoluta.

  • Yin Yoga

Qui si va nella profondità massima, trascendendo il proprio essere, fino a raggiungere e assaporare la purezza del proprio spirito.
La frequenza del respiro rallenta e la portata diventa più ampia.
Ideale per te che vuoi prendere il controllo del tuo corpo e della tua vita.

Yoga

  • Vinsaya

Perfetta sincronizzazione tra movimento e respiro, come in una lezione di danza.
La leggiadria e la delicatezza dei movimenti accompagnano l’intero workout.
Ideale per te che vuoi ottenere maggiore consapevolezza del tuo io spaziale.

  • Power

Possiamo definirla la variante aerobica tra quelle sovracitate.
Il focus stavolta è sulla forza e l’energia.
Ideale per te che vuoi concludere l’allenamento con una sensazione di benessere.

E tu hai mai praticato yoga?

Che tipo di varietà reputi più affine alle tue esigenze, al tuo bisogno interiore?