fbpx Skip to content
LEN European Championships Netanya 2015
Gian Mattia D'Alberto / lapresse
Behind the scenes

Il galateo del nuoto libero: tutti i consigli per la convivenza in corsia

Quando tutte le corsie sono occupate, praticare nuoto libero può sembrare un’impresa, ma basterà seguire pochi semplici regole per evitare ogni problema!

Quante volte ti sarà capitato di arrivare in piscina e trovare le corsie dedicate al nuoto libero tutte occupate! Per chi non è abituato può essere una situazione tutt’altro che rassicurante. Non preoccuparti, il “galateo” delle corsie non è difficile da seguire: ti basterà osservare ciò che accade intorno a te e rispettare i tuoi vicini per cavartela alla grande.

Ecco qualche consiglio per assicurarti di nuotare in perfetta armonia con tutti gli altri frequentatori della vasca.

Prima di entrare in acqua osserva le corsie, cercando di capire quale venga usata dai nuotatori più veloci, quale da quelli con un’andatura media e quale da quelli un po’ più lenti e scegli quella che pensi faccia al caso tuo. (Alcune piscine indicano direttamente le corsie da utilizzare a seconda dell’andatura, ma se nella tua questa divisione non è prevista ti basterà osservare gli altri nuotatori per qualche minuto per farti un’idea chiara su quale sia la corsia per te).

Assicurati che i nuotatori che già occupano la corsia che hai scelto ti vedano e capiscano che ti stai unendo a loro. Per farlo puoi sederti un momento sul bordo mettendo le gambe in acqua, oppure entrare in acqua e rimanere in un angolo della corsia accanto al bordo: in questo modo chi raggiunge il muro per virare noterà la tua presenza. Se vuoi essere gentile puoi chiedere a chi nuota se puoi unirti, ma è più una forma di cortesia, perché ovviamente nessuno di loro ha il diritto di vietartelo, dato che sei in una piscina pubblica!

Se in corsia siete soltanto in due, dovrete decidere se dividere idealmente lo spazio a metà nel senso della lunghezza (in modo che ognuno occupi la sua metà per tutta la durata dell’allenamento), oppure se nuotare “in circolo” (mantenendo sempre la destra sia all’andata che al ritorno e occupando così tutto il perimetro della corsia). Se siete tre o più di tre la scelta è obbligata, è necessario nuotare in circolo! Ricorda inoltre che alcune piscine, indipendentemente dal numero dei presenti, richiedono che si nuoti comunque in circolo. E’ interessante osservare come la direzione in cui si nuota cambi da paese a paese. In Italia ad esempio, così come negli Stati Uniti, si tiene sempre la destra, nuotando in senso antiorario (fig.1), mentre in Australia si tiene sempre la sinistra e si nuota in senso orario. In alcuni paesi europei addirittura si alternano senso orario e antiorario nelle corsie adiacenti (fig.2), per evitare spiacevoli scontri fra i nuotatori di due corsie vicine.

swimming_lanes1-700x357

Fig.1

swimming_lanes2

Fig.2

Ricorda di non tuffarti mai davanti a qualcuno che sta nuotando: se mentre entri vedi che qualcuno si sta avvicinando al bordo, aspetta che abbia virato, altrimenti rischierai di rompere il suo ritmo di nuotata.

Non perdere mai di vista la linea blu sul fondo (o prendi un riferimento sul soffitto nel dorso), in questo modo potrai assicurarti di mantenere la direzione ed eviterai brusche deviazioni verso chi sta nuotando nella direzione opposta.

Se –come può capitare- non tutti hanno la stessa andatura all’interno della stessa corsia, chi è più lento deve cedere il passo a chi va più veloce. Se senti che qualcuno ti tocca le dita dei piedi mentre nuoti, è segno che chi ti sta dietro ha bisogno di superarti. In questo caso non fermarti in mezzo alla corsia! Sarà sufficiente spostarsi il più possibile a destra e rallentare leggermente, per dar modo a chi ti sorpassa di farlo da sinistra nel minor tempo possibile. Se invece sei quasi arrivato al muro, spostati direttamente nell’angolo e lascia passare chi è dietro di te. Se sei tu che effettui il sorpasso, assicurati che in quel momento non arrivi nessuno dalla direzione opposta, proprio come faresti in macchina.

Se, nel corso dell’allenamento, hai bisogno di fare una pausa per recuperare, fermati sempre al bordo in un angolo, per lasciare agli altri sufficiente spazio per la virata.

Seguendo queste poche, semplici regole si può nuotare in tutta tranquillità, senza che la presenza di altre persone in corsia interferisca con i nostri allenamenti. Certo, l’ideale sarebbe avere una corsia tutta per sé ed essere liberi di nuotare al proprio passo senza doversi preoccupare di nessun altro, ma abituarsi a nuotare in circolo è facilissimo: vedrai che condividere la corsia non sarà un grosso problema. E poi chissà che non nascano nuove amicizie!

Leggi l’articolo originale qui

AREA PERSONALE

Da oggi bastano pochi secondi per poterti prenotare alle lezioni che preferisci.

Inoltre potrai accedere alla tua Area Personale dove troverai informazioni relative al credito residuo per servizi e alla scadenza del tuo abbonamento in palestra.

Una volta installata l’applicazione, inserisci la chiave d’accesso:

582B5D21

Oppure accedi attraverso il browser

×