fbpx Skip to content
maxresdefault

Scopri come respirare correttamente nello stile libero

Nello stile libero, se non si è pratichi con la respirazione laterale, è comune che sorgano situazioni abbastanza frustranti, come ritrovarsi a respirare mentre si affonda o mentre entra l’acqua in bocca. Se vi capitano questi piccoli inconvenienti, questa guida vi sarà utile per imparare a respirare più facilmente.

STEP 1 – Cominciate dal muro.
Per imparare a respirare lateralmente, iniziate a lavorare dal muro. In questo modo è possibile concentrarsi esclusivamente sulla respirazione senza la distrazione di doversi tenere a galla.

Galleggiate e scalciate. Adagiatevi sull’acqua in posizione prona con le braccia distese davanti a voi. Afferrate il bordo della vasca e muovete le gambe a stile libero per mantenere il vostro corpo a galla. Espirate tutta l’acqua dai polmoni e poi inclinate la testa di lato per respirare. Provate da entrambi i lati per trovare quello più comodo per voi.

Espirate bene. L’espirazione è un passo importante. Se non soffiate tutta l’aria dai polmoni prima di inclinare la testa per respirare, sarete costretti a terminare l’espirazione con la testa già inclinata, rallentando la respirazione. In questo modo aumenta il tempo che trascorrete con la testa rivolta verso il lato e, nuotando staccati dal muro, in questa posizione risulta più difficile mantenersi a galla.

Rilassatevi. Quando inclinate la testa per respirare, rilassate il collo e cercate di non ruotare tutto il corpo. Fate finta che qualcuno vi stia dando un colpetto sulla spalla e state girando la testa per dare un’occhiata. Invece di torcere tutto il corpo, è solo il mento a doversi avvicinare alla spalla.

Mantienete metà occhialino in acqua. Quando respirate pensate a tenere la lente degli occhialini che sta più in basso immersa nell’acqua, per non alzare eccessivamente la testa. Al fine di portare comunque la bocca fuori dall’acqua, spostatela di lato per essere sicuri di non ingerire acqua. Un modo divertente per pensare a come respirare correttamente è il “respiro del pirata”. Quando i pirati dicono “Arrrrgh” muovono le loro bocche lateralmente. Spostate la vostra allo stesso modo.

Guardate dietro di voi.

Mentre respirate, rilassate il collo e assicuratevi di non stare respirando in avanti. Provate invece a guardare leggermente dietro di voi. In questo modo sarà più facile mantenere il vostro corpo allineato e la respirazione meno affannata.

Guardate in basso. Dopo aver completato il respiro, gira la testa verso il basso in modo da guardare il fondo della piscina. Un errore comune per la maggior parte dei nuotatori è quello di guardare in avanti. Guardando avanti, i fianchi si abbassano nell’acqua e il corpo tende ad affondare. Continuate con questo esercizio finché non sentite che il respiro diventa più semplice e naturale, assicurandovi di non correre. Più vi sentirete a vostro agio respirando al muro, più saranno semplici i passi successivi.

2° PASSO – Allenatevi con una tavoletta. Dopo aver trascorso un po’ di tempo a respirare attaccati al muro, è il momento di avventurarsi un pochino. Prendete una tavoletta per aiutarvi in questa seconda fase.

Braccio di espirazione e braccio di inspirazione. Durante l’esecuzione di questo esercizio, dovete avere un “braccio di espirazione” e un “braccio di inspirazione”. Ciò vuol dire che dovete espirare durante una singola bracciata e inspirare di lato con l’altro braccio. Per inspirare utilizzate il braccio dal lato che nella prima fase vi è risultato più comodo.

Espirazione. Afferrate una tavoletta e tenetela di fronte a voi. Partite dal muro ancora una volta e afferrate il bordo della tavoletta con le mani protese in avanti, bloccando i gomiti. Con il viso in acqua guardate il fondo della piscina e iniziate a muovere le gambe a stile libero. Con il braccio di espirazione, fate una bracciata completa a stile libero e riafferrate la tavoletta, espirando completamente.

Inspirazione. Una volta ripresa la tavoletta con entrambe le mani, fate una bracciata con il braccio di inspirazione. Appena il braccio si abbassa sotto la superficie, inclinate la testa di lato per respirare, guardando leggermente dietro alla vostra spalla. Questo, come già detto, contribuirà a mantenere il vostro corpo in allineamento e a rendere più naturale il respiro. Mentre il braccio esce dall’acqua, riportate il viso sotto la superficie e tornate a guardare il fondo della vasca. La tavoletta dovrebbe aiutarvi a rimanere in equilibrio in acqua e supportarvi mentre si tenta di respirare. Non abbandonate questo esercizio fino a quando non sentirete di aver imparato totalmente la respirazione laterale.

3° PASSO – Posate la tavoletta. Una volta che vi trovate bene a respirare lateralmente con la tavoletta, posatela e iniziare a praticare la respirazione laterale nello stile libero completo, senza però mettere in pausa le braccia davanti a voi. Quando sarete diventati pratici, potrete cambiare il ritmo della respirazione. Se volete trattenere il respiro per qualche bracciata in più, ricordatevi di regolare l’espirazione rendendola meno violenta. In caso contrario potreste trovarvi a corto d’aria prima di poter inspirare di nuovo.

Conclusione. Se siete in grado di affrontare questi passaggi, sarete in grado di nuotare più facilmente e più a lungo. Sarete sulla buona strada per diventare più sicuri e più a vostro agio in piscina. Vi basti ricordare: relax, espirazione e guardare in basso dopo l’inspirazione.

Leggi l’articolo completo

AREA PERSONALE

Da oggi bastano pochi secondi per poterti prenotare alle lezioni che preferisci.

Inoltre potrai accedere alla tua Area Personale dove troverai informazioni relative al credito residuo per servizi e alla scadenza del tuo abbonamento in palestra.

Una volta installata l’applicazione, inserisci la chiave d’accesso:

582B5D21

Oppure accedi attraverso il browser

×